A red ribbon that moves. A red ribbon that forces our eyes to follow the path. 
A red ribbon that seems vital, bright, dynamic.
A strip of fabric that is red as blood, vital, bright and dynamic.
And then a factory.
A derelict and uninhabited factory.
A factory that has given up his productivity. A dead place.
Yet there is something that moves in this forgotten space.

Something, or someone, that hurts the silence of this nothing, which rips the expanses.
A cry red in a world of white lime.
The red of this tape, the red of blood.
 
The images have a precise sequence in order to chase the oscillating protagonist of the story.
A vigorous hero who doeesn't find the way out of this whitish world.

One person, so many people, that dominate the factory making it gray and marginal.
People who have not found a way out and have smeared with blood pale and forgotten places.
 
Twelvehundredandsixty is the title of this series of shots.   1260 workplace fatalities in 2007 on Italy.  
1260 tapes thesis in places of death. 

1260

--------------
Un nastro rosso che si muove. Un nastro rosso che costringe i nostri occhi a seguirne il percorso. 
Un nastro rosso che ci appare vitale, luminoso, dinamico. 

Una striscia di tessuto che è rossa come sangue:  vitale, luminoso e dinamico.
E poi una fabbrica. Una fabbrica derelitta e disabitata. Una fabbrica che ha rinunciato alla sua produttività. Un luogo morto.
Eppure c’è qualcosa che si muove in questo spazio dimenticato. Qualcosa, o qualcuno, che ferisce il silenzio di questo niente, che ne lacera le distese.  
E’ un po’ come un grido rosso in un mondo bianco di calce. E’ il rosso di questo nastro, il rosso del sangue.

Le immagini hanno un preciso susseguirsi nell’intento di rincorrere l’oscillante protagonista della storia. 
Un eroe vigoroso che però stenta a trovare la via d’uscita da questo mondo biancastro.
Una persona,  tante persone, che sovrastano la fabbrica rendendola grigia e marginale.
Persone che non hanno trovato una via d’uscita e che hanno imbrattato di sangue luoghi pallidi e scordati.

Milleduecentosessanta è il titolo di questa serie di scatti.  E 1260 sono i morti sul lavoro nel 2007.   1260 nastri tesi. 
Luoghi bianchi di calce.

1260

---------------

You may also like

Back to Top